Etichetta: Denovali | Anno: 2011 | Genere: Drone, Songwriter

Dire che un album ti fa dormire in generale non dovrebbe essere un complimento. Questo se si parla di dischi rock. Ma se il disco è opera di una neozelandese che canta le poesie scritte nel corso degli ultimi due anni, allora l’effetto soporifero potrebbe anche essere considerato in un’ottica diversa.

Without The World è proprio questo, delicate poesie sussurrate su basi eteree e ipnotiche. L’effetto che ne risulta è quella di una perenne ninna nanna. Quindi la monotonia dell’album in questo caso non risulta essere necessariamente una critica.

Ma l’album non è solo nenie soporifere e identiche a loro stesse. Brani come “Fantastic Frown” sono l’esempio di come sia possibile creare dei brani perfettamente in bilico tra atmosfere ambient e melodie dolcemente folk.

L’album funziona quindi sia come ottima ninna nanna ma anche (e soprattutto) come raccolta di delicate canzoni con le quali rilassarsi e farsi trascinare nell’etereo e onirico mondo di Birds of Passage.

Voto al Disco

GiampaoloM

Ascolto Musica, vado a Concerti, Scatto foto. Vivo a Roma.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.