Anno: 2018 | Label: Geographic North | Genere: ambient, drone

Irisarri continua a tormentare le mie notti e le mie orecchie. Dopo lo splendido Shameless Years del 2017, il nostro ci delizia con questo Midnight Colours, ennesima prova di bravura e, in generale, ennesima uscita, a conferma di un momento di forte creatività.

Questa volta il registro del disco è diverso dal precedente. Messa in secondo piano la maestosità e magniloquenza dei brani di The Shameless Years, questo Midnight Colours è un disco estremamente cupo e disarmonico.

I brani del disco scorrono lenti ed inesorabili, con il loro bagaglio di fruscii, suoni sporchi e disperazione. Il percorso è la poetica di Irisarri non lascia scampo e spazio per qualsiasi salvezza. Oh Paris, We Are Fucked è devastante nel suo incedere, Every Scenes Fades non lascia scampo.

Un disco compatto, tutto protratto verso l’abisso.

Il suono è quindi deliberatamente obsoleto e degradato, straripante di fruscii da vecchio vinile che ricordano quanto di vecchio e distruttivo ci sia nel “nuovo” che avanza. Irisarri ricerca questo effetto di obsoleta registrazione di bassa qualitàOndarock

Brani consigliati: Oh Paris, We Are Fucked, Every Scenes Fades

Voto al Disco

GiampaoloM

Ascolto Musica, vado a Concerti, Scatto foto. Vivo a Roma.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.