Tim Hecker – Ravedeath, 1972 (2011)

 

Ravedeath, 1972 è un disco denso, che rapisce l’ascoltatore attento, ma che è in grado di suggestionare anche l’ascoltatore distratto. Sicuramente va ascoltato a volumi adeguati e/o in cuffia per cogliere le mille sfumature e il lavoro certosino che è stato fatto per ogni brano.

Voto al Disco

Demdike Stare – Symbiosis (2009)

 

 Giusto due parole veloci su questo dischetto. Ovvero quando l’Ambient incontra il Dubstep. Ambient cupa, spessa e profonda come i bassi che pervadono e scorrono in ogni pezzo.   cito dal forum di Ondarock: “atmosfere claustrofobiche e inquietudini crescenti che si presentano sotto forma di minaccia costante. Non c’è un solo punto Leggi tutto…

Ulver – Perdition City (2000)

 

 Etichetta: Jester | Anno: 2000 | Genere: Electro, Dark Gli Ulver sono la dimostrazione vivente che la musica non ha ne confini ne tantomeno generi. Nati come band Black Metal dopo aver sfornato uno degli album piu’ “marci” del genere (Nattens Madrigal) “impazziscono” e passano all’elettronica sperimentale. Dopo un album Leggi tutto…