Loscil – Coast / Range / Arc (2011)

 

Un album intenso, ispirato come pochi ed estremamente lucido nel proiettate l’ascoltatore in luoghi lontani. Un ascolto ideale in queste gelide notti invernali. Lasciatevi prendere per mano da Loscil e portare la dove domina solo il nulla degli elementi. Non ne rimarrete delusi.

Voto al Disco

Ben Frost Live @ Chiesa Metodista, Roma

 

Respirare, devo respirare, piano, piu piano. Rallentare i battiti del cuore, O God Protect Me, far rilassare i muscoli. Piano. Piano… Si perchè l’euforia è tanta. Tanta quanto quella di assistere ad uno spettacolo per certi versi unico. E si che mi entusiasmo con poco. Ma questo è stato DAVVERO un live potente.

Birds of Passage – Without The World (2011)

 

Without The World è un album di delicate poesie sussurrate su basi eteree e ipnotiche. L’effetto che ne risulta è quella di una perenne ninna nanna. Ma l’album non è solo nenie soporifere e identiche a loro stesse. Brani come “Fantastic Frown” sono l’esempio di come sia possibile creare dei brani perfettamente in bilico tra atmosfere ambient e melodie dolcemente folk.


Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, function 'hestia_excerpt_length' not found or invalid function name in /web/htdocs/www.macorig.it/home/musica/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286

Tim Hecker – Ravedeath, 1972 (2011)

 

Ravedeath, 1972 è un disco denso, che rapisce l’ascoltatore attento, ma che è in grado di suggestionare anche l’ascoltatore distratto. Sicuramente va ascoltato a volumi adeguati e/o in cuffia per cogliere le mille sfumature e il lavoro certosino che è stato fatto per ogni brano.

Voto al Disco

Grouper – Dream Loss (2011)

 

In pratica Grouper ha fatto questoAlbum (Dream Loss) in cui canta come nei migliori dischi gotici, un canto lisergico, un vero e proprio mantra. La sua voce arriva da lontano, come se avesse registrato le tracce vocali cantando, salmodiando, dal cuore di una fitta foresta lasciando tuttavia il microfono nel sottobosco, al limitare dei primi alberi.

Voto al Disco

Tim Hecker – Radio Amor (2003)

 

E’ difficile parlare di un album che ti ha emozionato. Tutto questo per dire che sto parlando di un album di “elettronica / rumorosa / ambient” o “musica per stati d’animo da 4.00 del mattino” come ebbe a definirla lo stesso Tim Hecker. Questo è Radio Amor

Voto al Disco